Tutti gli articoli di Daniele147

D.LGS N. 34 DEL 19/05/2020

Supplemento ordinario alla “Gazzetta Ufficiale„ n. 128 del 19 maggio 2020 – Serie generale

il 19 maggio è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale serie generale n. 128 il D.Lgs. nr. 34 “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’ecnomia, nonchè di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” comunemente denominato “decreto rilancio”. Il Decreto, composto da 266 articoli, è suddiviso in titoli e riguarda tantissimi aspetti dell’economia italiana.


Il titolo VI, relativo alle “misure fiscali” che maggiormente impattano sulla proprietà individuale e sul condominio, ha suscitato maggiore interesse mediatico e pubblico. In particolare Vi evidenzio gli articoli 119, 120, 121.


L’articolo 119 tratta gli interventi di efficientamento energetico, sisma bonus, fotovoltaico e colonnine di ricarica dei veicoli elettrici. La norma in tale senso prevede una detrazione fiscale del 110%, da ripartire in 5 anni, dei seguenti lavori, eseguiti dal 01/07/2020 al 31/12/2021:


a) isolamento termico per una quota superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio (limite di spesa per appartamento € 60.000.00). Gli interventi su una superfice superiore al 25% rientrano nell’ambito delle “ristrutturazioni importanti di secondo livello” e comportano quindi l’obbligo di rispettare anche il DM del 26/06/2015, in tema di valori di trasmittanza;


b) sostituzione degli impianti di climatizzazione con altri di efficienza almeno pari ad A, o con impianti ibridi anche abbinati ad interventi di installazione di pannelli fotovoltaici (limite di spesa per appartamento di € 30.000). Possono essere agevolati al 110% anche gli interventi di riqualificazione energetica già sgravabili al 50% o 65% (infissi, ecc.) se realizzati unitamente ad almeno uno dei due interventi su descritti.

Per usufruire dell’incentivo è necessario che si migliori l’efficienza energetica dell’edificio di almeno 2 classi. Nel caso ciò non fosse possibile bisogna almeno raggiungere la classe energetica più alta possibile. Anche gli interventi di installazione di impianti fotovoltaici connessi alla rete elettrica e le colonnine di ricarica elettriche diventano detraibili al 110% se eseguiti congiuntamente agli interventi elencati nelle lettere a) e b), purché l’energia in eccesso venga venduta al GSE.


L’articolo 121 tratta ed argomenta la cessione del credito e lo sconto in fattura. Per tutti gli interventi di manutenzione straordinaria in condominio sarà possibile cedere il reddito d’imposta alla ditta esecutrice delle opere o alle banche.

gli interventi super bonus che danno diritto alla detrazione fiscale del 110%;

gli interventi eco bonus che danno diritto alla detrazione fiscale del 65%;

gli interventi sisma bonus che danno diritto alla detrazione fiscale 75%-85%;

gli interventi di ristrutturazione edilizia che danno diritto alla detrazione fiscale 50%;

gli interventi di sola pulitura o tinteggiatura esterna dei prospetti che danno diritto alla detrazione fiscale 90%.

In pratica su tutti i lavori che implicano una detrazione fiscale sarà possibile cedere il credito alla ditta esecutrice e pagare solo la differenza, o richiedere lo sconto in fattura. Tutti i lavori necessitano ovviamente di delibera assembleare con la maggioranza prevista dal 2°comma dell’art. 1136 CC (maggioranza dei partecipanti all’assemblea che rappresenti almeno la metà del valore dell’edificio) e dovrà essere espressamente verbalizzato che il Condominio intende fruire dello sconto in fattura.


Attualmente non è stato ancora chiarito il termine e le modalità di convocazione delle assemblee, sia esse di persona, che nelle modalità on line o miste. Limiti che in estrema sintesi si possono riassumersi in:


a) non è possibile convocare assemblee esclusivamente da remoto poiché è necessario garantire a tutti i comproprietari di partecipare, anche a coloro che non posseggono mezzi elettronici adeguati;


b) fare le assemblee in presenza implica la necessità di utilizzare spazi enormi. Ogni partecipante deve avere a disposizione fra i 6 e i 7 mq ed anche all’aria aperta le cose non sono più semplici;


c) per le assemblee miste ai problemi logistici e legali delle prime due, si aggiungono i problemi di ordine organizzativo.
Quindi in questo momento:


a) in assenza delle linee guida dell’Agenzia delle Entrate che entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del Decreto deve definire le modalità attuative delle disposizioni;


b) tenuto conto che il Decreto stesso deve anche superare il passaggio parlamentare per la conversione in legge, che potrebbe comportare modifiche all’attuale testo (emendamenti);


in mancanza di indicazioni per la validità formale delle adunanze si ritene di non convocare assemblee straordinarie fino a quando non verranno pubblicate le modalità attuative del D.lgs. 34/2020 anzidetto.


Tutte le associazioni di categoria degli amministratori di condominio, in tal senso, hanno emanato un comunicato specifico, invitando gli associati ad attenersi ai criteri di riagionevolezza e prudenza posti alla base delle ancor vigenti limitazioni agli assembramenti e salvaguardia della salute di tutti, in attesa che la normativa definisca ed avvalori specifici regolamenti.


EQUITALIA Definizione agevolata ai sensi del DL n. 193/2016 convertito con modificazioni dalla Legge n. 225/2016

euitalia

La definizione agevolata consente ai contribuenti di ottenere una riduzione delle somme da pagare a Equitalia.

La Definizione agevolata prevista dal decreto legge n. 193/2016, convertito con modificazioni dalla Legge n. 225/2016, in vigore dal 3 dicembre, si applica alle somme riferite ai carichi affidati a Equitalia tra il 2000 e il 2016.
Chi intende aderire pagherà l’importo residuo delle somme inizialmente richieste senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora. Per le multe stradali, invece, non si pagheranno gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge.

utilizzando il modulo “DA1 – Dichiarazione di adesione alla Definizione agevolata” disponibile sul sito www.gruppoequitalia.it. e presso tutti gli sportelli di Equitalia. La dichiarazione deve essere presentata entro e non oltre il 31 marzo 2017.

Link qui sotto:

https://www.gruppoequitalia.it/equitalia/opencms/it/modulistica/Definizione-agevolata/faq/

http://www.gruppoequitalia.it/equitalia/opencms/it/modulistica/Definizione-agevolata/index.html

La partecipazione all’assemblea del supercondominio

STUDIOFANELLI.NET

Articolo scritto dal Dott. Feliciano Belli

L’art 1117-bis del Codice Civile, così come modificato dalla Legge n 220/2012, ha di fatto riconosciuto ciò che nel gergo comune viene definito come supercondominio stabilendo che “Le disposizioni del presente capo si applicano, in quanto compatibili, in tutti i casi in cui più unità immobiliari o più edifici ovvero più condominii di unità immobiliari o di edifici abbiano parti comuni ai sensi dell’articolo 1117”.

View original post 1.635 altre parole

Modulo DA1 domanda rottamazione cartelle Equitalia entro il 31.03.2017

euitalia

Fonte e proprietà http://www.pmi.it

Online il modulo di domanda per la rottamazione delle somme accessorie nelle cartelle Equitalia, sanatoria prevista dal decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017: l’agente della riscossione ha reso disponibili i moduli di adesione sul suo sito web e presso tutti gli sportelli sul territorio. I contribuenti hanno tempo fino al 31 marzo 2017 per presentare istanza di definizione agevolata, via posta elettronica oppure presso le sedi Equitalia, che entro il 24 aprile 2017 comunicherà importi dovuti e bollettini di pagamento.

La compilazione del modulo DA1 è molto semplice: si inseriscono le generalità, della persone fisica o del rappresentante dell’impresa e poi nell’apposito spazio si elencano le cartelle esattoriali di cui si chiede la definizione agevolata.

La rottamazione (articolo 6 Dl 193/2013) prevede la possibilità di saldare le pendenze con il Fisco (pagando fino a quattro rate) con uno sconto sulle sanzioni (non sull’imposta, che invece sarà interamente dovuta). La rottamazione è prevista per tutti i carichi pendenti (tasse, contributi, IVA, multe stradali), affidati a Equitalia fra il 2000 e il 2015

iconapdfMODULO DA1 domanda rottamazione

Gazzetta UFFICIALE D.lgs 22 ottobre 2016, n. 193

Contabilizzazione del calore: approvate le modifiche al decreto 102/14 (13 luglio 2016)

dlgs-141_18_07_2016 iconapdf

dlgs102_04_07_2014iconapdf

FONTE E PROPRIETA’: EDIL TECNICO
Qualche giorno fa (13 luglio) in Consiglio dei Ministri è passato il provvedimento correttivo del d.lgs. 102/2014 con cui il nostro Governo aveva recepito la direttiva europea sull’efficienza energetica (EED 27/2012). Il correttivo si è reso necessario per sanare la procedura di infrazione aperta dalla UE a febbraio del 2015.CONSULTA IL DOSSIER SULLA TERMOREGOLAZIONE

Con riferimento alla contabilizzazione del calore è confermata la scadenza entro la quale i dispositivi di contabilizzazione e termoregolazione devono essere installati: 31 dicembre 2016. Chi si attendeva una proroga non ha compreso che tale termine è stato imposto proprio dalla direttiva europea n. 27, non derogabile.

Continua a leggere Contabilizzazione del calore: approvate le modifiche al decreto 102/14 (13 luglio 2016)